Venti di Guerra

http://www.scmp.com/news/china/article/1125765/china-launches-fighters-amid-japan-dispute

Venti di guerra all’orizzonte. Cina e Giappone sono ai ferri corti.

La questione è quella delle Isole che i Giapponesi chiamano Senkaku, e che i Cinesi chiamano invece Diaoyu.

japan_china_disputed_islands_xin802_33034007.jpg

8 isolette apparentemente insignificanti, ma che da Settembre stanno mettendo a dura prova i nervi delle cancellerie dei 2 Paesi. La questione è a dir poco annosa: tutto risale al 1895, quando il Giappone decise di incorporare le Isole secondo il principio di diritto internazionale delle “terrae nullius”.

http://temi.repubblica.it/limes/isole-senkaku-scenari-attuali-di-una-disputa-antica-tra-cina-e-giappone/41312

Il fatto non è tanto questo, infatti negli anni successivi, sotto il governo del Grande Timoniere Mao, la questione venne accantonata.

Ma le cose cambiarono lo scorso Settembre quando il Governo Giapponese decise di nazionalizzare 5 delle 8 Isole, facendole diventare ufficialmente parte del territorio nazionale.

A quanto pare gli eredi di un mercante Giapponese avevano la proprietà delle Isole ( e già qui ci sarebbe da discutere…), ed il Governo Centrale, per evitare che l’estremista governatore di Tokyo le usasse come oggetto di una campagna non proprio amichevole nei confronti della Cina, decise la nazionalizzazione.

Ovviamente la cosa non è piaciuta alla Cina, che da sempre ne rivendica la  sovranità (per ovvi motivi economici, le acque circostanti le Isole sono ricchi di pesci e di risorse naturali di cui la Cina ha fame).

A Settembre 2012, proprio quando il sottoscritto si trovava a Xi’an (centro nevralgico di ogni protesta violenta contro il Giappone), la decisione unilaterale di nazionalizzare le Isole, provocò proteste in tutta la Cina, con macchine giapponesi distrutte, negozi presi a sassate ed altre amichevolezze del genere!

L’assurdità della faccenda è che i proprietari delle auto giapponesi erano ovviamente Cinesi, i titolari dei ristoranti pure…Ma si sa…..”ubi maior, minor cessat”! La Ragion di Stato prevale sempre….

La polizia, di solito ferrea nei confronti dei manifestanti, guarda caso si atteneva al principio del “laissez faire….”.

Insomma, si vede che proprio i 2 Paesi non riescono a mettersi d’accordo (ma come potrebbero d’altra parte due nemici storici)….ed ecco che la Cina manda i primi pescherecci ed il Giappone le prime motovedette della Guardia Costiera. Ora è il momento dei Jet!

Il futuro? Nero si potrebbe dire…..o Rosso (di sangue).

Fatto sta che, credo, una guerra o perlomeno un confronto sia inevitabile.

Vincitori? Nessuno come sempre! Le guerre sono sempre per motivi economici ed il sangue  e la sofferenza è sempre del popolo.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s