Dell’inquinamento e di altri mali

Allora, non che il fatto che a Pechino c’è un brutto inquinamento sia una novità!

Certo è che livelli così alti non si vedevano da prima delle Olimpiadi del 2008, quando i cari leader decisero che non era bello presentarsi al mondo con una cappa di smog che ti fa venire il cancro anche se non fumi!

Mi ricordo ancora il primo giorno che misi piede in Cina: fu nel Febbraio del 2007, arrivai senza ben sapere cosa trovare, e fui stupito dal vedere una bella giornata di sole neanche tanto fredda!

Poi però mi dovetti ricredere, e la mia bella visitina alla clinica privata americana dove ero convenzionato, l’ho fatta anche io, insieme ai miei compagni di avventura!

Questa qua sopra è un’immagine che rappresenta, non dico al 100% ma quasi, l’inquinamento di Pechino. E dire che il Governo ha adottato delle misure volte a contrastare il fenomeno: dall’impedire alle moto di entrare entro la quarta circonvallazione, alle targhe alterne…

Purtroppo però, se non si cambia mentalità, non si va da nessuna parte: una volta a Pechino c’erano solo praticamente biciclette, tanto da ispirare il film “Le biciclette di Pechino”, poi però, a causa o grazie al benessere sempre crescente, ecco apparire le moto, le macchine, le “api”….

Il fatto che adesso per comprare una macchina in Cina bisogna partecipare ad un’asta per comprarsi la targa è sicuramente un passo in avanti, ma i Pechinesi ricchi sono sempre di più, e quindi, siamo da capo!

Che futuro vorrei per la mia amata Pechino?

Questo?

Questo?

Oppure questo?

No, nessuno di questi: io vorrei solo una Città dove d’inverno vecchi e bambini possono tranquillamente uscire di casa senza rischiare la morte sicura per livelli di PM 2.5 pari a 3 volte il livello di guardia dell’OMS.

Io voglio una Città dove vecchi e bambini possono tranquillamente uscire e giocare all’aquilone mentre i genitori sono al lavoro!

Infine una nota di folklore: sembra che qualcuno abbia coniato l’espressione “Beijing Cough” per descrivere quel particolare malessere che pervade le tue vie respiratorie a Pechino d’inverno. E che questo abbia fatto incazzare molti patrioti!

E che diavolo! Magari si potrebbe chiamare “China Cough”, certo è che la qualità dell’aria in molte aree della Cina, fa schifo!

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s