Link e consigli utili per vivere e sopravvivere in Cina

STUDIO-VITA PRIVATA

Chiunque voglia o sia costretto, per piacere o per lavoro, passare un periodo in Cina, ha bisogno di qualche consiglio per essere in grado di superare incolume l’inevitabile shock culturale che colpisce quasi chiunque passi un periodo mediamente lungo nel Paese di Mezzo.

Fortunatamente, o sfortunatamente, nelle principali Città Cinesi si possono trovare comunità di propri connazionali, già in loco soprattutto per lavoro da molto tempo. Di seguito vi elenco 3 siti che consiglio di leggere per capire in anticipo cos’è trendy nella città di destinazione.

1) http://www.thebeijinger.com/: sito sulla vita a Pechino (ristoranti, nightlife, annunci personali e di lavoro, oltre che un forum di discussione dove ogni tanto si da vita a delle battaglie verbali degne di nota)

2) http://www.shanghaiexpat.com/: stessa cosa del primo, ma relativo a Shanghai.

3) http://www.cityweekend.com.cn/beijing/: altro format ma con simili contenuti, con in più notizie su Guangzhou.

Per chi voglia studiare in Cina, le possibilità sono innumerevoli: dalle Università pubbliche che offrono corsi di mandarino per stranieri, alle tantissime scuole private che offrono lo stesso servizio al triplo del prezzo, ma di solito comprensivo di appartamento in compound di medio alto livello.

Di solito chi va a studiare presso una scuola pubblica sceglie al 90% la Běijīng yǔyán dàxué 北京语言大学, ovvero l’Università di Lingua e cultura cinese di Pechino. Mentre per chi è interessato ad un corso privato, con la convenienza che le date di inizio sono più flessibili, ha molta più scelta, e una ricerca su Google restituisce molti risultati.

——————————————————————————————————————–

LAVORO

Siete invece interessati ad un’esperienza di lavoro in Cina? Beh, allora questa è un’altra storia, in quanto ormai le cose non sono più così facili come una volta (quando ero io lì). La crisi si fa sentire anche in Cina, anche se si sente il contrario, e il numero di studenti/laureati Cinesi con competenze di alto livello ed una conoscenza fluente delle lingue straniere è in continuo aumento.

In ogni caso, notate quanto segue: la figura sempre richiesta è quella dell’insegnante di lingua Inglese, la cosiddetta ESL Teacher! Noi Italiani ovviamente siamo tagliati fuori, dato che vogliono solo madrelingua e, fatte salve poche eccezioni, dell’Italiano non gliene frega nulla a nessuno (se non magari come esca per trovare un partner: tanti gli annunci di “language exchange partner”…..)

In ogni caso lavori seri sono sempre disponibili, ma bisogna tenere in mente qualche accorgimento:

1) Contratto: il contratto locale, che tocca a chiunque si rechi in Cina e voglia lavorare per un periodo, non è propriamente favorevole a noi. In Cina la sanità non è pubblica, e andare dal medico può costare molto, senza contare un eventuale ricovero in ospedale). Diciamo che come regola d’oro funziona sempre quella di essere sempre molto sicuri di sè, e chiedere tanto, per poi negoziare. Lo stipendio medio di un professionista cinese con un’esperienza di 5 anni è di circa 7000RMB, con differenze a seconda della città. Con quella cifra li loro vivono, ma noi facciamo fatica. I veri expat, cioè quelli mandati da aziende europee o americane, vengono pagati anche 30/40000RMB al mese e vivono in ville o appartamenti lussuosi, e spesso prendono in giro gli altri, che vengono a lavorare in Cina per “l’esperienza” e sono disposti ad essere sfruttati per il curriculum! Ecco, NON fatelo, lavorare in un’azienda cinese non ti porta benefici nel tuo CV. E poi si rovina il mercato a chi invece è disposto a stare per anni in Cina e ad occupare posizioni di rillievo.

2) Visti: lavorare in Cina senza un apposito visto Z è ILLEGALE! Grazie a molti “insegnanti” di inglese che lavoravano senza permesso, ora le maglie si sono ristrette. Non c’è alternativa, a meno che di non farsi offrire un visto F di validità semestrale, ma lavorare è sempre illegale! Il visto F o business, vale per stare più a lungo, ma non permette lo svolgimento di attività lavorativa retribuita. Una volta si poteva, pagando, farselo convertire o allungare da varie agenzie cinesi, ma ormai le autorità hanno aumentato i controlli.

——————————————————————————————————————–

WORK IN PROGRESS…..ALTRI AGGIORNAMENTI PRESTO……..

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s